I primi giganti di Libertadores

Nacional e Peñarol sono fra le massime protagoniste della storia della Copa Libertadores, manifestazione che in particolare nei primi anni dominarono.

lib

Il Peñarol con 5 coppe e il Nacional con 3 figurano rispettivamente al 3° e 5° posto nella graduatoria dei club campioni continentali. Il Carbonero risulta inoltre 1° in quanto a finali disputate, 10 come il Boca Juniors, essendo il Bolso 5° con 3. In quanto rappresentanti del proprio paese, poi, assieme si piazzano terze con 8 successi dietro solo ad Argentina e Brasile, ma essendo le uniche uruguaiane ad aver conquistato il trofeo ottengono la media di 4 contro quella di 2,8 delle argentine (con 8 club campioni) e appena 1,7 del Brasile (con 10).

            

Gli ultimi successi risalgono al biennio 1987-88, quando fu campione prima il Peñarol e subito dopo il Nacional. Seguirono quindi solo la semifinale dell’Albo nel 2009 e la finale persa dai gialloneri nel 2011, con l’eccezione uruguaiana dell’altra semifinale raggiunta dal Danubio nel 1989. Considerando allora che negli anni Ottanta erano arrivati appena due altri trionfi, uno a testa, appare chiaro che la loro epoca migliore nella massima competizione sudamericana fu la prima. E si trattò di un’autentica età dell’oro.

pen_60

Il Peñarol fu il primo campione sudamericano, nel ’60, bissando il successo la stagione seguente e arrivando in finale quella dopo ancora. Giallonero fu anche il primo gol della coppa, segnato da Borges nel 7-1 interno sul Jorge Wilstermann. Il primo trionfo del Nacional risale invece al ’71, quando i rivali avevano già vinto 3 volte, ma dopo essere arrivato secondo già in 3 occasioni con quella del ’64 su cui si è di recente allungata l’ombra della possibile corruzione dei guardalinee da parte dell’Independiente, e con ciò si chiuse questo fantastico periodo.

pen_1gol

Fantastici, infatti, devono essere per forza considerati i loro primi 12 anni di Libertadores. Considerate la vere potenze continentali al pari solo del Santos di Pelé, e a differenza di Independiente e Racing che non ebbero più che un paio di stagioni notevoli prima che apparisse l’Estudiantes, Nacional e Peñarol trovano nei numeri la conferma alla loro grandezza.

nac_71

Dal 1960 al ’71 sollevarono 4 coppe vale a dire un terzo del totale. Giocarono 10 finali e raggiunsero (anche o almeno) altre 4 semifinali, non essendoci stata stagione in cui almeno una delle due non sia stata fra le migliori quattro del Sud America.

A questa serie ne seguì una di segno assolutamente opposto. Nei successivi 8 anni infatti raggiunsero solo 2 semifinali, una a testa, anche se il riscatto era dietro l’angolo con 2 nuovi successi, sempre uno a testa, 1 finale persa e altre 3 semifinali in un lustro – ricordandosi il doppio successo Manya nei clásicos del 1983 che valsero l’accesso all’atto conclusivo.

I numeri generali ricordati in apertura, distribuiti su più di mezzo secolo di Libertadores, fanno di Peñarol e Nacional due giganti continentali a prescindere dai periodi alterni che hanno vissuto. Certo è, però, che l’impatto che ebbero nel primo quarto di storia della coppa resta unico.

Advertisements

About andreaciprandi

Mi chiamo Andrea A. Ciprandi e sono italiano. Nel corso degli anni ho seguito sia il calcio inglese che quello sudamericano, mentre ultimamente mi sto dedicando in particolare a quello argentino promuovendo iniziative divulgative a riguardo. Faccio parte del Departamento de Relaciones Internacionales del Racing Club di Avellaneda. Fra le collaborazioni più recenti, quella con il Club Atlético Boca Juniors e i Revisionistas Históricos del Fútbol Argentino, gruppo di ricercatori che si dedica fra l'altro alla corretta compilazione delle statistiche del calcio locale a partire da quelle dipendenti dall'equiparazione dei titoli del dilettantismo a quelli del professionismo (riconosciuta dall'AFA ma per lungo tempo negata dalla gran parte dei mezzi d'informazione e di conseguenza anche degli appassionati). In passato ho ideato, inaugurato e curato per alcuni anni il blog italiano di Riverplate.com, sito argentino fra i più popolari del Sud America. Sono titolare di RACINGCLUBITALIA.WORDPRESS.COM e CARBOLSO.WORDPRESS.COM, i primi siti interamente in italiano dedicati rispettivamente al Racing Club di Avellaneda e alla storia di Nacional e Peñarol, di PILLOLEARGENTINE.WORDPRESS.COM che invece fra il 2013 e il 2017 ha offerto notizie in breve e approfondimenti storici sul calcio argentino, e di ANDREACIPRANDI.WORDPRESS.COM in cui invece fino al 2016 ho raccolto tutti i miei articoli con la sola eccezione di quelli di Pillole Argentine, Racing Italia e Carbolso per cui prevedevo una semplice selezione. Calciostruzzo e Calciotradotto (da cui Calciomercato.com ha attinto alcuni articoli) sono stati invece i miei primi spazi personali online. Ho scritto inoltre su Gianlucarossi.it occupandomi prevalentemente di calcio internazionale e FC Inter News per le notizie dall'Argentina. Sempre in passato ho scritto anche per Toro News, Vavel.com di Madrid, Canal Fluminense e Comunità Italiana di Rio de Janeiro, World Striker di New York, la free-press San Siro Calcio, Sportmain.it, Magic Football, Calcioargentino.com e Giornalismo2012. Infine ho commentato il calcio estero per Radio Sportiva e saltuariamente intervengo su Telelombardia/Antenna3 per parlare di quello argentino. Se desiderate contattarmi, fatelo scrivendomi ad andrea.ciprandi@gmail.com o su Twitter @andreaciprandi. Vi risponderò con piacere.
This entry was posted in storia and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s