Il Clásico de la Fuga

Il confronto fra Peñarol e Nacional del 9 ottobre 1949 non si concluse per il rifiuto dei giocatori tricolores di tornare in campo dopo l’intervallo.

Reduce dalla conquista del sesto Campeonato Competencia degli undici che avrebbe vinto nella sua storia, e forte di una squadra passata alla storia come La Máquina del ’49 per via della sua forza, il Peñarol aveva la possibilità di aggiudicarsi anche il Campeonato Uruguayo ma per farlo avrebbe dovuto superare i rivali di sempre.

Sul campo del Centenario, con gli spalti gremiti e sotto una pioggia battente, il primo tempo faceva preludere all’impresa: in vantaggio per 2-0 anche grazie al primo gol di Ghiggia nel clásico, con l’altra marcatura a firma invece di Vidal, l’arbitro decretò la fine della frazione mentre Schiaffino si stava involando verso la porta.

Se per il Manya c’era dunque da protestare per quel fischio frettoloso, il Bolso evidentemente si sentiva penalizzato dalla doppia espulsione patita in occasione del rigore valso lo 0-2. Una serie di proteste sfociate anche in spintoni che non risparmiarono neppure il giudice di gara Bochetti al che fu prima sanzionato e poi trasformato, costarono infatti il rosso a Tejera e Gómez.

Quando già gli uomini del Carbonero erano rientrati in campo per disputare il secondo tempo e la terna arbitrale era schierata, quindi, s’iniziò a presagire che qualcosa di clamoroso stava per accadere. Di fatto, passarono i minuti e dei nove giocatori del Nacional che avrebbero potuto (e dovuto) continuare l’incontro nemmeno l’ombra. Risultato: la vittoria fu chiaramente assegnata agli avversari e quella sfida passò comprensibilmente alla storia come el Clásico de la Fuga benché i tricolores preferiscano definirlo come quello del Robo del Juez ovvero del furto operato dall’arbitro.

La soddisfazione aurinegra per la conquista dell’ennesimo titolo oltretutto in virtù proprio di una successo sui cugini risultò frustrata. Quel giorno, comunque si sia giudicato l’operato dell’arbitro, il sentimento sportivo rimase irrimediabilmente offeso, come sottolineò anche la stampa con commenti per esempio su El Día e La Plata che condannarono l’atteggiamento bolso da cui si evinceva un malsano rifiuto della sconfitta. Rammarico espresse però innanzitutto il Peñarol attraverso un comunicato con cui faceva emergere la sorpresa per l’accaduto riconoscendo storicamente cavallereschi i rivali.

Il delegato del Nacional provò a giustificare l’abbandono facendo riferimento allo sconforto dei giocatori e alla supposta mancanza delle necessarie garanzie (arbitrali, ça va sans dire). Fatto sta che per come stavano andando le cose in campo, in linea con le recenti prestazioni degli avversari che negli ultimi due tornei disputati avevano avuto una media gol rispettivamente di quasi 4 e 5 a partita, non stona ipotizzare che il Nacional non volesse correre il rischio di veder eguagliare nel migliore dei casi il 6-0 a suo favore del 1941 – che forse anche in virtù di quell’abbandono resta ancora oggi l’affermazione più netta mai verificatasi in un clásico.

Advertisements

About andreaciprandi

Mi chiamo Andrea Ciprandi e sono nato nel 1969. Nel corso degli anni ho seguito sia il calcio inglese che quello sudamericano, mentre ultimamente mi sto dedicando in particolare a quello argentino promuovendo iniziative divulgative a riguardo. Faccio parte del Departamento de Relaciones Internacionales del Racing Club di Avellaneda. Fra le collaborazioni più recenti, quella con il Club Atlético Boca Juniors e i Revisionistas Históricos del Fútbol Argentino, gruppo di ricercatori che si dedica fra l'altro alla corretta compilazione delle statistiche del calcio locale a partire da quelle dipendenti dall'equiparazione dei titoli del dilettantismo a quelli del professionismo (riconosciuta dall'AFA ma per lungo tempo negata dalla gran parte dei mezzi d'informazione e di conseguenza anche degli appassionati). In passato ho ideato, inaugurato e curato per alcuni anni il blog italiano di Riverplate.com, sito argentino fra i più popolari del Sud America. Sono titolare di RACINGCLUBITALIA.WORDPRESS.COM e CARBOLSO.WORDPRESS.COM, i primi siti interamente in italiano dedicati rispettivamente al Racing Club di Avellaneda e alla storia di Nacional e Peñarol, di PILLOLEARGENTINE.WORDPRESS.COM che invece fra il 2013 e il 2017 ha offerto notizie in breve e approfondimenti storici sul calcio argentino, e di ANDREACIPRANDI.WORDPRESS.COM in cui invece fino al 2016 ho raccolto tutti i miei articoli con la sola eccezione di quelli di Pillole Argentine, Racing Italia e Carbolso per cui prevedevo una semplice selezione. Calciostruzzo e Calciotradotto (da cui Calciomercato.com ha attinto alcuni articoli) sono stati invece i miei primi spazi personali online. Ho scritto inoltre su Gianlucarossi.it occupandomi prevalentemente di calcio internazionale e FC Inter News per le notizie dall'Argentina. Sempre in passato ho scritto anche per Toro News, Vavel.com di Madrid, Canal Fluminense e Comunità Italiana di Rio de Janeiro, World Striker di New York, la free-press San Siro Calcio, Sportmain.it, Magic Football, Calcioargentino.com e Giornalismo2012. Infine ho commentato il calcio estero per Radio Sportiva e saltuariamente intervengo su Telelombardia/Antenna3 per parlare di quello argentino. Se desiderate contattarmi, fatelo scrivendomi ad andrea.ciprandi@gmail.com o su Twitter @andreaciprandi. Vi risponderò con piacere.
This entry was posted in clásicos and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s